ACNE TARDIVA: 3 MOTIVI PER CUI CONTINUIAMO AD AVERE I BRUFOLI (ANCHE SE NON ABBIAMO PIU' 15 ANNI))

Sbagliato credere che i brufoli siano - sempre e solo - confinati all'adolescenza. Mai convinzione fu meno affidabile, in effetti. 
In America l'hanno ribattezzata anche "acne da donne in carriera" perché la cosa  interessa sempre di più persone che hanno finito gli studi da un bel pezzo e che più che ai loro di brufoli pensavano di doversi occupare di quelli dei figli. E invece. 
"Veniva considerata una patologia giovanile, legata alla pubertà. Oggi ci troviamo davanti a un trend invertito in cui l'acne tardiva, quindi l'acne dopo i 30 anni, è sempre più frequente", ci ha spiegato la Dottoressa Claudia Menicanti, -specialista in dermatologia, medicina estetica, rigenerativa e anti- aging-. "Il perché è legato sicuramente ad un assetto ormonale in movimento, ma anche a degli habitus errati di quella che viene chiamata skin care che poialla fine, ha un rovescio della medaglia", ci ha detto la dermatologa.
NON USARE TROPPI PRODOTTI
"L'occlusione meccanica iatrogena dei nostri follicoli attraverso l'applicazione di maschere, pulizie del viso, prodotti eccessivi determina lo stimolo infiammatorio primitivo di quello che poi si trasforma in acne", spiega la Dottoressa.
Evitare, dunque, di fare pasticci e provare continuamente prodotti senza che vengano raccomandati da un professionista (e risparmiare un bel po' di soldini) è un inizio buono e semplice. 

LO STRESS

Se stiamo vivendo un periodo di stress le ghiandole surrenali iniziano a produrre grandi quantità di cortisolo. Quest'ultimo normalmente svolge funzioni anche legate al sistema digestivo e celebrale, ma se sovraprodotto può avere effetti su tutto l'organismo, pelle inclusa.

 

DETERSIONE TROPPO FREQUENTE E/O AGGRESSIVA 

Esclusi casi specifici, generalmente si consiglia di usare un detergente non aggressivo per un massimo di due volte al giorno (mattina e sera). Ma se abusati, questi prodotti rischiano di seccare la pelle e, quindi, di aumentare la produzione di sebo.

Scrub ed esfolianti, dunque, dovrebbero essere limitati a massimo tre volte alla settimana. Soltanto una se la pelle è sensibile.

QUESTIONE GENETICA

Acne e brufoli possono essere ereditari. Cosa fare in questi casi? Prevenire e modificare la skincare routine e -prima di tutto, come mai finiremo di ripetere- rivolgersi a uno specialista che possa valutare la migliore terapia. 

Sapere è potere.